Associazione C'He.La. Vie onlus
02/01/2015

Sfortuna e Tumore

javascript gallery slideshow freeby VisualLightBox.com v5.9

Una ricerca recentemente pubblicata sul magazine scientifico Science afferma che il presentarsi di un tumore nella nostra vita è una questione di "fortuna".
Ci teniamo a precisare che lo studio portato avanti da Bert Vogelstein e Cristian Tomasetti della John Hopkins University è un lavoro di tipo statistico, basato cioè sulla realizzazione di un modello matematico che cerca di giustificare i risultati ottenuti e che necessita per questo di ulteriori verifiche e ricerche.
I due studiosi, dopo aver esaminato 31 casi differenti di tumori, hanno osservato che solo 9 erano collegati allo stile di vita o a fattori genetici. Ciò non toglie che, da soli, fattori scatenanti come il fumo, una dieta iperproteica, l′esposizione eccessiva alla luce solare e l′esposizione a sostanze cancerogene sono la principale causa di neoplasie.
La ricerca, che si è incentrata sullo studio delle cellule staminali, ha evidenziato come i tessuti più sottoposti alla "sfortunata" nascita di tumori siano quelli del cervello, testa-collo, tiroide, esofago, polmone, osso, fegato, pancreas, melanoma, ovario e testicolo.
In particolare, data la natura delle cellule staminali, note per la loro capacità di specializzarsi, è stato evidenziato, secondo il modello, che è possibile osservare divisioni cellulari "sfortunate" che portano a casi di tumore all′aumentare del numero di divisioni, perchè aumenta il rischio di "errori" nella trascrizione del codice genetico.
In definitiva, quanto studiato dagli scienziati porta alla conclusione che nella maggior parte dei casi non è possibile prevedere i casi di tumore. É possibile solo prevenirli mediante una sana diagnosi precoce ed eliminazione chirurgica, quando il proprio specialista lo ritenga opportuno.